//L’UMBRIA CHE NON TI ASPETTI
Umbria Che Non ti Aspetti - Monteleone di Orvieto

L’UMBRIA CHE NON TI ASPETTI

Un Tour alla scoperta di tesori nascosti.

 

Inauguriamo con questo articolo la sezione dedicata ai viaggi di iBESTmag. Suggerimenti i nostri, volti a soddisfare le necessità ed i desideri dei lettori più esigenti. Proporremo quindi un turismo colto, raffinato, attento agli aspetti naturali ed artistici dei territori, come anche a quelli eno-gastronomici. In linea quindi con la nostra mission: la ricerca della qualità. Qualità ed eccellenza che non per forza devono essere circondati da clamori mediatici o da fama internazionale per essere tali. Molto spesso anzi, si tratta di piccole realtà destinate proprio per le loro dimensioni, esclusivamente ai veri intenditori ed a coloro che hanno voglia di cercare e di scoprire.

Ci è pertanto sembrato ideale aderire al Discovery Tour “L’Umbria che non ti aspetti”, organizzato dall’Associazione “Città della Pieve and Friends“, volto a far conoscere una piccola parte di questa meravigliosa regione, che possiamo ancora considerare “segreta”. Tutto il mondo conosce infatti luoghi come Perugia, Assisi, Gubbio, Spoleto, Orvieto etc. ma si può ancora rimanere più che piacevolmente sorpresi da altri meno noti, come quelli che andremo ad esplorare in questo Tour. Ci sono infatti aspetti nascosti in piccoli centri, tra le dolci colline di questo territorio, che ci stupiranno per la loro bellezza o per la loro qualità e spesso, proprio per la lontananza da quel turismo di massa che porta si notorietà, ma che sovente altera o distrugge il tessuto sociale.

(Segue dopo lo Slideshow)


Umbria Che Non ti Aspetti - Monteleone di OrvietoUmbria Che Non ti Aspetti - Monteleone di OrvietoSecret Umbria - Città della PieveSecret Umbria - Città della Pieve - Il PeruginoSecret Umbria - Città della Pieve - Il PeruginoSecret Umbria - Città della PieveSecret Umbria - Città della PieveSecret Umbria - Città della PieveUmbria Che Non ti Aspetti - FiculleUmbria Che Non ti Aspetti - FiculleUmbria Che Non ti Aspetti - FiculleUmbria che non ti aspetti - SalciUmbria che non ti aspetti - Salci

MONTELEONE DI ORVIETO – Iniziamo quindi dal piccolo borgo di Monteleone di Orvieto (Foto d’apertura), con il suo splendido affaccio sulla Val di Chiana Romana, da cui lo sguardo spazia fin verso il monte Cetona. Uno dei tipici piccoli centri fortificati dell’Italia Medievale. Una lunga storia, caratterizzata da alterne vicende, differenti dominazioni, periodi di prosperità ed altri, di minor fortuna. Un po’ come molti luoghi simili di questa Italia, da sempre divisa in comuni in lotta tra di loro.

ANTHEIA Ed proprio a poca distanza da Monteleone che incontriamo un primo esempio di eccellenza produttiva: “Antheia“. Un’azienda agricola biologica nata solo pochi anni fa per assecondare i sogni di Maria Josephina e Cesare, una coppia piemontese che ha deciso di cambiare vita. Antheia quindi ora produce “l’oro rosso”…. lo Zafferano, insieme all’olio d’oliva E.V.O. ed altri vegetali stagionali. Il livello qualitativo è alto e specie per quanto riguarda i prodotti derivati dallo zafferano, decisamente vario ed interessante. Un esempio su tutti, l’ottimo sciroppo allo zafferano, utilizzabile nei cocktails, sui dolci ed in accoppiata con formaggi stagionati. Particolarmente ricercato ed originale è il packaging dei prodotti, come ad esempio la bottiglia dell’EVO organico a produzione limitata. E’ anche possibile soggiornare nello splendido casale, in comode e luminose stanze arredate con elegante semplicità.

CORNIETO – Ci spostiamo di poco, sempre nel territorio di Monteleone, dove in un’altra azienda agricola biologica “Cornieto“, la titolare Rita produce 3 diversi tipi di olio E.V.O. monovarietali. Attraverso una ben organizzata degustazione ed accompagnati dalle spiegazioni di Rita i visitatori possono conoscere e valutare a fondo sia le tecniche di lavorazione, che le qualità organolettiche dell’olio. Usando questi prodotti possiamo sicuramente esser certi che non siano stati usati concimi ed antiparassitari chimici, come pure tecniche di lavorazione industriale che definiremmo “di massa”. Come detto all’inizio, anche in questo caso ci troviamo di fronte a realtà destinate agli intenditori. Anche qui, è possibile soggiornare in un tipico casale umbro, immersi nella natura, tra gli alberi d’ulivo.

(Segue dopo lo Slideshow)


Umbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Antheia - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di OrvietoUmbria Segreta - Agriturismo Cornieto - Monteleone di Orvieto

Prima di lasciare il territorio di Monteleone però perché non fare una pausa per rifocillarsi? E allora basta fermarsi presso il 7 Café, il cui nome può trarre in inganno perché assolve si le funzioni di un “normale” Bar, ma in realtà è un luogo dove gustare ottimi cibi locali accompagnati da un’ampia scelta di vini, in un’atmosfera informale accolti dal simpatico titolare Andrea, che organizza anche eventi ad hoc come le degustazioni di vini.

CITTÀ DELLA PIEVE E “IL PERUGINO” – Un’imprescindibile tappa di questo Tour è Città della Pieve: sicuramente il luogo più famoso tra quelli attraversati. A parte le maggiori dimensioni che ne segnalano l’importanza storica, questa cittadina avrebbe già motivo di essere conosciuta e ricordata da tutti per il solo fatto di aver dato i natali a Pietro Vannucci, detto “Il Perugino” e per conservarne ancora alcuni dei capolavori. Il Vannucci fu artista eccelso e maestro di un altro grandissimo come Raffaello Sanzio. Immancabili quindi le visite presso l’Oratorio dei Bianchi (Adorazione dei Magi), Santa Maria dei Servi (Deposizione dalla Croce) e la Cattedrale (Battesimo di Gesù Cristo). Capolavori assoluti, frutto di quel rinascimento artistico iniziato proprio tra Umbria e Toscana e simboli della spiritualità che da sempre si è manifestata in queste terre. Altro elemento degno di visita è il complesso della Rocca cittadina.

FICULLE – Dopo Città della Pieve ci dirigiamo verso Ficulle, un altro piccolo borgo con secoli di storia, con le sue Rocche ed uno sconfinato panorama collinare. Il paese deve probabilmente il suo nome alla lavorazione della terracotta (Figuline). Tradizione tenuta in vita da Fabio Fattorini, che nel suo laboratorio produce una vasta serie di oggetti in terracotta, tiene corsi e dimostrazioni su queste antiche tecniche artigianali.

Sempre a Ficulle un discorso a parte merita la storia di Riccardo Paoletti, il “Fabbro Contadino”, giovane “visionario” tenacemente attaccato alla sua terra, che oltre a produrre pregevoli oggetti con la lavorazione del ferro battuto, ha dato vita ad un’azienda agricola biologica “La Gumera“, dove ha iniziato a coltivare pregiati grani come quelli in uso all’inizio del ‘900: Senatore Cappelli, Gentilrosso e Bolero per poi macinarli esclusivamente a pietra. Con le farine così prodotte sono nate alcune varietà di pasta trafilata al bronzo, come le Torzolline e la Gumerelle.

Alcuni dei prodotti de La Gumera, insieme ad altre prelibatezze locali (salumi e vini) possono essere degustati presso il Bar Tox, sempre a Ficulle. Anche questa volta, dietro le semplici apparenze di un bar di paese, ci aspettano prodotti di elevata qualità, realizzati con dedizione ed attenzione all’ambiente.

Il nostro itinerario termina a Salci, il Borgo Fantasma, abbandonato negli ultimi 50 anni ma che per l’occasione, troviamo pieno di persone per una festa popolare, con tanto di banda.

Dimentichiamo qualcosa? Ma certo! Ci sarebbe ancora da scrivere della Tenuta Vitalonga, ma a questa dedicheremo prossimamente un altro articolo, per parlare delle sue eccellenze eno-gastronomiche. Abbiate pazienza, l’attesa sarà ben ripagata!


Umbria Che Non ti Aspetti - Ficulle - Bar ToxUmbria Che Non ti Aspetti - Ficulle - Bar ToxUmbria Che Non ti Aspetti - 7 BarUmbria Che Non ti Aspetti - 7 BarUmbria Che Non ti Aspetti - Ficulle - Ceramiche FattoriniUmbria Che Non ti Aspetti - Ficulle - Ceramiche FattoriniUmbria che non ti aspetti - Ficulle - La GumeraUmbria che non ti aspetti - Ficulle - La GumeraUmbria che non ti aspetti - Ficulle - La Gumera

CITTÀ DELLA PIEVE & FRIENDS



Testo e Immagini © iBESTmag – Riproduzione Vietata


 

Seguici e Condividi su:
Facebook
Facebook
Instagram
Google+
https://i-best-magazine.com/umbria-che-non-ti-aspetti/
Pinterest
LinkedIn
RSS