Roma Bar Show – Prima Edizione

iBESTmag - Roma Bar Show - First Ediztion - Diktator Stand

Grande successo per il Roma Bar Show: il primo evento internazionale svoltosi in Italia, interamente dedicato al mondo del beverage & mixology.

 

Una grande affluenza di pubblico ha premiato, il 23 e 24 settembre scorsi, il Roma Bar Show. Una manifestazione di portata internazionale che ha visto la partecipazione di centinaia di aziende del settore beverage, mixology ed anche food. Bastino alcuni numeri per dare l’idea della portata dell’evento:

– 9628 presenze
– 28 tasting room
– 8 Academy Lab
– 10 Main Seminars
– Il più grande seminario Mixology (con Marian Beke) mai fatto con oltre 800 partecipanti in un unico auditorium
– 185 stand
– circa 8mila mq coperti tra piazzale, piano primo e secondo più la terrazza
– 3 Finali Italiani (Patron e Montenegro e Bar Black Game di Fernet Branca)
– arrivo della gara ciclistica La Classica by Martini
– Il primo technical lab di Buchi al mondo per Barman

Il numerosissimo pubblico sia degli addetti ai lavori, che degli appassionati, ha così potuto dar libero sfogo alla propria curiosità ed ai propri gusti, avendo a disposizione quanto di meglio offrono attualmente le aziende del settore.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Palazzo dei Congressi Roma

 

Noi siamo stati presenti entrambi i giorni e (grazie anche ai suggerimenti dell’espertissimo Carlo Dutto) ci siamo dati da fare per esplorare un mondo praticamente infinito, divertente e colorato, tra singoli liquori delle più svariate provenienze, mix “vecchi” e nuovi ed interessanti sorprese. Come sempre però, anche solo fotograficamente (o video graficamente…) è stato praticamente impossibile documentare tutto, figuriamoci se poteva esserlo assaggiare le migliaia di possibili combinazioni alcoliche!

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Stand Campari

 

Nonostante i nostri umani limiti però, qualcosa da segnalare ai nostri lettori l’abbiamo ugualmente: iniziamo subito con un bel video e poi passeremo alla “narrazione” vera e propria con le nostre segnalazioni… 😉

 



Day One

 

Iniziamo quindi con un “semplice” ma efficace cocktail a base di liquore “Strega“, un classico che non tramonta mai, propostoci da Virginie Amélie Doucet, recente vincitrice della V edizione del premio di Mixology Strega. Degno di nota anche l’amaro Luna Nera, sempre nello stesso stand.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Strega - Virginie Amélie Doucet

 

Ottime, le diverse declinazioni del Vermouth del Professore: ambrato, chinato e superiore. Nati dalla volontà di rivisitare grandi classici, grazie alla collaborazione tra il Jerry Thomas Project e la distilleria Quaglia.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Jerry Thomas - Vermouth de Professore

 

Curiosa (e molto buona) un’originale “composizione” da…bere e mangiare…che abbiamo assaggiato presso lo stand Fiume dell’Amaro Pugliese. Un piccolo cestino di pasta con all’interno l’amaro, ricoperto di una spuma a base di latte di mandorle.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Fiume - Amaro Pugliese

 

Nello stand di Drink|IT venivano invece dispensati (in modo molto originale…) diversi drinks già pronti e, visto anche che quest’anno cade il centenario delle sua invenzione, non abbiamo potuto esimerci dal degustare un bel Negroni.

Un’altra realtà degna di attenzione è stata l’Amaro Venti, presentatoci dal suo stesso ideatore, Marco Rivolta, presso lo stand di Rinaldi 1957. La caratteristica di questo amaro (ottimo sia da solo che nei mix) è la particolare forma botanica, dato che racchiude in se appunto venti essenze, provenienti da ognuna delle regioni italiane. Potremmo quindi ben definirlo come il nostro amaro “nazionale”.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Campari

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Aperol

 

Molto buono il Crafter’s, un Gin estone floreale che, curiosamente, cambia colore all’aggiunta dell’acqua tonica. Buono anche il soft-drink Re-Crafted Crafter’s, che deriva da un ulteriore lavorazione delle bacche di ginepro, dopo la produzione del Gin stesso.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Ice

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Jim Meehan - Rinaldi 1957

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Giardini d'Amore

 

Per concludere la nostra prima giornata, non ci siamo lasciati sfuggire da Martini un seminario su diverse tipologie di Single Malt Laphroaig, tenuto da Cristina Folgore, Brand Ambassador di Bacardi Beam Suntory, insieme con Stefano Carlucci, proprietario del mitico Le Bon Bock di Roma.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Masterclass Laphroaig - Cristina Folgore

 

Day Two

 

Il secondo giorno, lo abbiamo iniziato (decisamente bene) con l’assaggio del Gin PhD – Philosophiæ Doctor. Un prodotto veramente particolare, dove al ginepro sono accostate le fave di cacao tostate. Un gin tutto italiano, creato da Rossella Liberti insieme ad altri appassionati ricercatori della Facoltà di Medicina di Salerno, che si può benissimo degustare in purezza, accompagnato come si fa con il rum, da un bel pezzetto di cioccolato. La produzione è stata realizzata in collaborazione con Mistico Speziale. Da notare che, la diffusione dei distillati in Occidente la dobbiamo proprio alla Scuola Medica Salernitana a partire dal X secolo. Una grande tradizione quindi, che si rinnova con questa originale iniziativa.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Gin PhD

 

A seguire, segnaliamo Rivo, Il primo Sloe Gin Italiano realizzato con bacche di prugnolo raccolte esclusivamente in Italia. Un gin che, date le sue caratteristiche (le bacche di prugnolo vengono raccolte e selezionate a mano) è prodotto in quantità limitate. Infatti, ogni bottiglia ha l’etichetta numerata a mano. Decisamente per (pochi) intenditori.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Rivo Sloe Gin

 

Dopo due Gin, abbiamo fatto una sosta presso lo stand Bartender Experience – The world of Mixology by Pernod Ricard, dove abbiamo gustato uno Sparkling Cuban, un cocktail a base di Rum Havana 7, sciroppo di menta e zenzero e Champagne Mumm.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Gin Knut Hansen

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Fred Jerbis

 

Lunga sosta poi, presso lo stand di Reale DRINK I, dove abbiamo un po’ abbassato il tenore alcolico assaggiando alcuni prodotti per mixology, come i succhi di frutta super concentrati de Il Doge o le vere e proprie polpe di frutta di Dreamy, oltre a qualche birra che… non guasta mai. Citiamo La Bassa di Brewfist e l’agricola RubiaBirra Lara.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Reale Drink I

 

Naturalmente, non potevamo rimanere a “bassa gradazione” ancora a lungo e allora, siamo passati ai Mezcal di Los Siete Misterios, prodotti in Messico dal 2010 dai fratelli Mestre. Dietro questi Mezcal c’è la volontà di ripresa ed ulteriore espansione delle antiche tradizioni messicane, sia dal punto di vista delle metodologie di produzione, completamente artigianali, che culturali, legate ad esempio al Dias de Los Muertos. Anche le particolari etichette sono ispirate ai lavori dell’artista di fine ‘800 Josè Guadalupe Posada. Una decina di fazendas collabora con quella famigliare dei fratelli Mestre che, con questa iniziativa hanno dato nuovo impulso e sostegno all’economia locale.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Mezcal Los Siete Misterios - Mr. Mestre

 

Ancora un “salto” nel tempo e nello spazio ed ecco uno stop da Keglevich, dove… giustamente, ci siamo “dissetati” con un bel K-Fruit Mule a base di Vodka (ne abbiamo parlato QUI).

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Vodka Keglevitch

 

La sosta seguente è stata allo stand di Bordiga 1988, un’azienda del cuneese che produce tra l’altro il Gin Rosa, caratterizzato da un particolare approccio filosofico “sociale”: tutta la comunità locale viene infatti coinvolta nelle procedure di raccolta delle bacche nelle valli Occitane. Non ci siamo però fermati al Gin, ma abbiamo voluto assaggiare anche il Vermouth Excelsior (a base di barolo di 3 anni). Una riedizione commemorativa per i 130 anni dell’azienda, di un prodotto che risale ai primi del ‘900. Veramente da non perdere!

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Bordiga 1988 - Gin Rosa

 

Una bella sorpresa è stata quella della ditta Bugin, che sarebbe… una macelleria! In realtà, tutto nasce da una macelleria di famiglia, che poi si trasforma in un ristorante che poi a sua volta, per meglio degustare le famose carni (ed i salumi da loro derivati) piemontesi, decide di affiancare loro appositi cocktail ma…. mancava ancora qualcosa: che il Gin venisse prodotto da loro… ed ecco BuGin, il primo Gin Italo/Piemontese botanicamente studiato per valorizzare il gusto e il sapore della carne. Beh, data la situazione logistica, gli assaggi erano limitati solamente ad alcuni salumi (squisiti), ma possiamo confermare che l’idea funziona veramente!

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Gin Bugin

 

Alla fine della nostra giornata, con la (piccolissima) parte di fegato ancora funzionante, non abbiamo voluto mancare ad un secondo seminario (sempre tenuto da Cristina Folgore). Va bene, ma erano “solo” due Bourbon: Il Gim Beam e Maker’s Mark.

 

iBESTmag - Roma Bar Show - Prima Edizione - Jim Bean Bourbon

 

Dimenticavamo: ci siamo ovviamente rifocillati “spizzicando” qualcosa in giro, ma soprattutto, grazie alla collaborazione del Mexican Village.

 

iBESTmag - Roma Bar Show Logo

 

Come avrete potuto capire, ci siamo duramente “sacrificati” per voi, mettendo seriamente a rischio la nostra salute fisica e mentale…. 😀 ed il bello è che, come sempre, lo abbiamo fatto mentre fotografavamo e (come avrete notato) riprendevamo i video. Anzi, vi consigliamo proprio di guardarlo, per avere un’impressione più completa di quello che è stato il Roma Bar Show, pentirvi di esservelo perso (o ricordare i bei momenti se ci siete stati) e… prepararvi per la prossima edizione!

 

Cheers!

 

Icona English 32

 

Roma Bar Show

 

 

ATTENZIONE!

Raccomandiamo di bere alcolici sempre con moderazione e soprattutto, di non mettervi alla guida dopo averlo fatto.

 


Testi, Immagini e Video © iBESTmag – Riproduzione Proibita

Video realizzato da 33promo.it


 

Seguici e Condividi su:
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Instagram
Pinterest
LinkedIn

iBestmag - Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Rosa Rosati Rosè - Il Festival del Bere Rosa

Mar Ott 8 , 2019
  Il Festival del Bere Rosa – Rosa Rosati Rosè a Roma con l’omonima Guida e la Zosimo Wine Selection, presso l’Hotel Barcelò Aran Mantegna.   Ancora una manifestazione dedicata ai vini Rosati o Rosè italiani, a dimostrazione del recente aumentato interesse verso questa categoria, anche da noi qui in Italia. Avevamo infatti visto giusto, l’anno scorso, quando abbiamo deciso di pubblicare anche noi uno Speciale riservato proprio a questi vini (QUI).           Siamo infatti convinti che la ricchezza varietale dei nostri vitigni sia in grado di offrire prodotti di alto livello, perfettamente in grado di […]
iBESTmag - Rosa Rosati Rosè 01

I nostri Social

Categorie Articoli

Tag Cloud

Per Visionare alcune sezioni di questo sito devi avere l'Età Legale per consumare Alcolici nel tuo paese di residenza.

Chiudendo il Pop Up e continuando confermi di avere l'Età Legale

Altrimenti fai click sul tasto Indietro del tuo Browser

 

Si raccomanda di Bere Alcolici in modo responsabile e di non guidare dopo aver bevuto.

La Qualità è preferibile alla quantità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi