//Piacere Tuscia 2019 – Sheraton Hotel Roma
Piacere Tuscia 2019 Roma - Muffa Nobile Tenuta di Salviano

Piacere Tuscia 2019 – Sheraton Hotel Roma

 

Grandi vini tra Lazio, Umbria e Toscana.

 

Organizzata da Carlo Zucchetti – Il Giornale Enogastronomico con il Cappello, si è tenuta lo scorso 5 maggio  a Roma un’interessante manifestazione dedicata alla produzione vinicola (ed olearia) di una zona ben specifica (la Tuscia), posta tra l’alto Lazio, l’Umbria e la Toscana.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Brugnoli Vini

Un territorio che più o meno corrisponde all’antica Etruria e che ha tra le sue principali caratteristiche suoli – o terroirs – particolari: principalmente tufacei oppure alluvionali, dato che comprende sia zone vulcaniche – come i laghi dell’alto Lazio – che i bacini di fiumi come Tevere e Paglia.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Feudi Spada Vini

Circa settanta le aziende che hanno risposto all’appello degli organizzatori, con un’ampia proposta di vini che andavano dai ben conosciuti “classici” della zona, come l’Orvieto, l’Est Est Est ed il Morellino, fino ad alcuni a base di vitigni del tutto inusuali, come l’Alicante o il Malbec…. decisamente non proprio “tipici” di queste terre.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Papalino Vini

 

In Evidenza

 

Difficile, come sempre in questi casi, fornire ai nostri lettori un quadro sistematico e completo dell’offerta presente – per non parlare dell’olio, volutamente trascurato dato che non amiamo degustare contemporaneamente molti vini ed oli nella stessa sessione – per cui ci siamo concentrati sull’assaggio a campione di alcuni classici e, soprattutto, dei vitigni meno tipici e di alcune “chicche”  da rari  autoctoni o particolari interpretazioni di quelli più usuali.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Villa Puri Vini

Iniziamo quindi segnalando l’Est Est Est Montefiascone DOC “Terre de’ Puri” di Villa Puri e l’Orvieto Classico Superiore DOC “Lunato” della Tenuta Le Velette. Oppure, le diverse interpretazioni di Chardonnay fornite da Paolo e Noemia D’Amico con il “Falesia” ed il “Calanchi di Vaiano“.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Tenuta Le Velette Vini

Piacere Tuscia 2019 Roma - Paolo e Noemia D'Amico Vini

Notevole anche il Sauvignon “Enos I” di Tenuta Montauto.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Tenuta Montauto Vini

Tra i rossi classici, sicuramente da segnalare il Morellino di Scansano “Ciabatta” DOCG di Erik Banti. Ma è proprio tra i vini rossi che troviamo apprezzabili esperimenti come il Malbec e l’Alicante, nelle diverse interpretazioni fornite da Santoiolo, oppure il raro Cannaiola, che cresce nella zona di Bolsena, nelle due proposte di San Lazzaro con il “Vignola“, e “Martino IV” di Castelli. Leggermente più amabile il primo, più secco il secondo.

Piacere Tuscia 2019 Roma - Erik Banti Vini

Piacere Tuscia 2019 Roma - Santoiolo Vini

Piacere Tuscia 2019 Roma - San Lazzaro Vini

Piacere Tuscia 2019 Roma - Castelli Vini

Per finire in bellezza, non possiamo non citare lo spettacolare “Muffa Nobile” (immagine di apertura) Orvieto Classico Superiore, prodotto da Tenuta di Salviano, già ben conosciuta dai nostri lettori in quanto presente nel nostro Speciale Rosè. Le uve botritizzate, raccolte in vendemmia tardiva nella zona del Lago di Corbara sono inserite come tipologia nel disciplinare della DOC orvietana e forniscono un “nettare” unico, da meditazione o da abbinare con particolari formaggi.

 

Icona English 32

 

PIACERE TUSCIA

 


Testi & Immagini © iBESTmag – Riproduzione Proibita


 

Seguici e Condividi su: