Macoratti Team’s Day 2022

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Alessio Macoratti

Macoratti Team’s Day 2022

Si è svolto il 20/21 marzo a Roma, nella bucolica cornice del Parco Sgaravatti, in via Appia Antica, il Macoratti Team’s Day 2022. Un appuntamento importante e prestigioso, che mancava da tre anni per le note cause pandemiche.

L’ non ha qui bisogno di presentazioni – ne abbiamo già parlato ampiamente in passato QUI  –  ma giova soltanto ricordare che distribuisce un notevole numero di Aziende di Eccellenza del settore enogastronomico. Un fatto ampiamente confermato (se mai ce ne fosse stato bisogno) dall’evento dello scorso weekend.

Numerose le realtà rappresentate, con un’offerta ampia e variegata, provenienti non solo dall’Italia, ma anche – e ne parleremo un bel po’ – dall’estero.

Vista la portata dell’evento e la qualità rappresentata, questa volta non daremo i nostri soliti “voti” alle singole degustazioni, perché le differenze qualitative sono state talmente minime (praticamente lievissime sfumature) che potremmo solo promuovere tutti in blocco e con lode!

Naturalmente (e come sempre in questi casi) è stato giocoforza fare una (dolorosa) selezione tra le tante proposte e ci siamo orientati su alcune realtà che hanno stuzzicato il nostro interesse per la tipologia dei loro vini.

Vediamo allora le singole Aziende che abbiamo testato.

 

AFRIWINES

Per questa Azienda (importatrice di vini dal Sudafrica, m non solo) dobbiamo fare una premessa. Infatti, nell’ultima edizione di questo stesso evento, uno splendido Sauvignon Blanc di provenienza Sudafricana ha inferto un duro colpo al nostro proverbiale “razzismo” nei confronti dei vini extra-europei. Siamo sempre stati molto legati al concetto di Terroir e di tradizione enologica e per questo motivo, abbiamo sempre pensato che il Vino “vero” fosse solamente quello prodotto in Italia, Francia, e Portogallo (più qualche altra produzione minore di altri paesi europei).

Come tutte le opinioni, anche questa può essere discutibile e forse, frutto di errati preconcetti, ma fino all’assaggio di quel Sauvignon… diciamo che non avevamo mai trovato motivi sufficientemente validi per doverla mettere in discussione.

Per farla breve , memori di quella esperienza,  questa volta ci siamo subito letteralmente piazzati davanti al banco d’assaggio di AfriWines, ed abbiamo esplorato a fondo la loro selezione.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - AfriWines

 

E dobbiamo dire che abbiamo iniziato “col botto”, accolti dalle bollicine del Krone Borealis Cuvèe Brut 2019. Decisamente di altissimo livello e valido per ogni occasione: dall’aperitivo, al pasto completo.

In rigoroso ordine cronologico, abbiamo poi degustato il  Cape Dreams Chenin Blanc e l’ Alvi’s Drift 221 Chenin Blanc. Entrambi 2021 e di notevole levatura.

E’ stata poi la volta del  Diemersdal Sauvignon Blanc 2021. Si, proprio quello “famoso” della volta precedente. L’impatto non è stato così “sconvolgente” come in passato (l’annata 2017 era stata molto secca, quasi siccitosa) ma ha mostrato una certa morbidezza e rotondità che lo rendono forse più elegante e misurato.

Subito dopo, c’è stato un “confronto diretto” con un omologo Neozelandese: il Mount Riley Sauvignon Blanc 2021 che, al contrario, ci ha ricordato molto proprio il Sudafricano assaggiato 3 anni fa. Inebriante al naso e molto fruttato al palato. Decisamente notevole, per chi (come noi) ama i vini fruttati.

In chiusura, è stato il turno del Don David Reserve Torrontés 2021 (ebbene si, Argentino) che non ha affatto sfigurato per qualità con i precedenti.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - AfriWines

iBESTmag - Macoratti Team's Day - AfriWines

 


 

WINEDOW

Anche in questo caso, ci troviamo di fronte ad un importatore da diversi paesi, sia europei che extra-europei.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Winedow

 

Come assaggi, ci siamo orientati sulle seguenti etichette:

Aaldering – Florence Chenin Blanc 2020 dal Sudafrica

Vinultra – Insight Sauvignon Blanc 2021 dalla Nuova Zelanda

Closerie Des Alisiers – Macon Villages Bio (Organic) 2020 – Francia

Domaine Thomas & Fils – Aoc Sancerre Blanc “Le Pierrier” 2020 – Francia

Tutti e quattro di ottimo livello – il Sauvignon in posizione intermedia tra i due descritti in precedenza – e con una nota particolare di merito per il Sancerre, che abbiamo gradito particolarmente.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Winedow

 


 

TENUTA LUISA

 

Dopo quest’ampia escursione oltre confine, abbiamo riattraversato le Alpi, ma ci siamo fermati subito nelle loro vicinanze e precisamente, in Friuli Venezia Giulia, al banco d’assaggio di Tenuta Luisa.

Abbiamo potuto così subito confrontare un Sauvignon Blanc “nostrano” con i precedenti ed ovviamente, non ha sfigurato. Ma non è il che ci ha colpito di più… infatti, tra i vari assaggi, abbiamo particolarmente apprezzato la Ribolla Gialla e, soprattutto, il Cabernet Sauvignon.

Ribolla Gialla Igt 2020

Malvasia DOC ISonzo 2020

Sauvignon DOC Isonzo 2020

Pinot Nero Igt 2019

Cabernet Sauvignon “I Ferretti” Igt 2016

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Tenuta Luisa

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Tenuta Luisa

 


 

VINEA DOMINI

 

Con questo Marchio, un ambizioso progetto di un nome storico qual’è Gotto d’Oro, siamo scesi nel Lazio ed abbiamo definitivamente (o quasi) abbandonato i vini bianchi per passare esclusivamente ai rossi.

La selezione proposta da Vinea Domini è piuttosto articolata e tesa a valorizzare alcune particolari cantine, tra le molte afferenti alla cooperativa.

Noi ci siamo soffermati in particolare su tre vini (di notevole caratura) quali il Petit Verdot Igt Lazio 2019, il Roma DOC Rosso 2019 ed il Cesanese del Piglio DOCG 2021, con una (lieve) preferenza, da parte nostra, per il primo dei tre.

Decisamente un’iniziativa riuscita.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Vinea Domini

 


 

PERTICAIA

 

Dal Lazio all’Umbria il passo è breve e Perticaia, un’ di Montefalco, ci ha “accolto” con prodotti di alto livello, su vini che sono le punte di diamante dell’enologia Umbra. Ovvero, il Rosso di Montefalco ed il Sagrantino.

Le etichette di Perticaia assaggiate sono state:

Montefalco Rosso DOC 2017

Montefalco Sagrantino DOCG 2015 “Old but Gold

Montefalco Sagrantino DOCG 2006

Inutile fare un qualsiasi tipo di classifica. Sarebbe “offensivo” nei confronti di qualunque NON fosse primo classificato. 🙂

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Perticaia

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Perticaia

 


 

PELISSERO

 

Avevamo iniziato “col botto”? E così abbiamo terminato!

Noi non diciamo niente ma, anche il più distratto dei nostri lettori, avrà sicuramente notato nel tempo una nostra “leggerissima” predilezione per il vitigno Nebbiolo. Ed in questo, Pelissero si è dimostrato maestro. Un Nebbiolo “semplice” e due etichette di Barbaresco hanno ampiamente soddisfatto le nostre aspettative, esaltando al massimo le qualità di questo meraviglioso vitigno che non finisce mai di stupirci.

Qui la classifica la facciamo… e mettiamo tutti e tre i vini al… primo posto. A parte gli scherzi, e fatte le debite proporzioni, il Nebbiolo “semplice” forse, una menzione d’onore la meriterebbe. 🙂

Langhe DOC Nebbiolo 2017

Barbaresco Nubiola DOCG 2017

Barbaresco Tulin DOCG 2017

 

Ma non è finita qui. Avevamo detto che ci sarebbe stato un altro Bianco. E quale migliore occasione per assaggiare da Pelissero anche il Moscato d’Asti DOCG 2021? Ideale per accompagnare degnamente la selezione di formaggi sopraffini fornita dall’Azienda Romana BOTTEGA LA TRADIZIONE.

Altro che  “col botto”… abbiamo terminato la giornata direttamente in…Paradiso.

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Pelissero

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Pelissero

 

iBESTmag - Macoratti Team's Day - Bottega La Tradizione

 


 

I nostri lettori ed il buon Alessio Macoratti ci perdoneranno se ci siamo fermati qui… ma a tutto c’è un limite, anche al Piacere che si è in grado di sopportare in una sola volta. 🙂

Ma stiamo già aspettando la prossima!

 


 

Teams Agenzia Macoratti

 


 

N.B. Il numero di assaggi presso i diversi produttori è esclusivamente legato al caso ed alle varianti del momento. Per questo motivo, in alcuni casi degustiamo diversi vini da un produttore e magari, solo uno da altri. Naturalmente, non possiamo assaggiarli tutti e quindi anche la scelta di quali testare è dovuta esclusivamente al caso oppure alla nostra volontà di valutare determinati vitigni o località specifiche.

 


ATTENZIONE!

Raccomandiamo di bere alcolici sempre con moderazione e soprattutto, di non mettervi alla guida dopo averlo fatto.


Testi & Immagini © iBESTmag – Riproduzione Vietata


 

Seguici e Condividi su:
Twitter
Visit Us
Follow Me
Instagram
LinkedIn
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Formaticum 2022 - Roma

Mar Mag 17 , 2022
Formaticum 2022 – Roma   Formaticum 2022 – Roma. Si è svolta nella capitale, la terza edizione di questa  Manifestazione tutta dedicata ai Formaggi ed alle Rarità Casearie Italiane. Un evento a nostro parere degno di nota, perché la promozione della nostra “infinita” produzione non sarà mai troppa. Addirittura, pensiamo che la Varietà e la Qualità dei nostri Formaggi e Latticini, elevi il nostro Paese sopra ogni altro addirittura più dei Vini o altri prodotti agricoli.     Perché diciamo questo? Semplicemente perché nel settore dei Vini, qualcosa fanno molte altre nazioni ma… chi può permettersi solo di sognare di […]
iBESTmag - Formaticum Roma 2022

Potrebbero interessarti anche questi articoli

I nostri Social

Categorie Articoli

Tag Cloud

Per Visionare alcune sezioni di questo sito devi avere l'Età Legale per consumare Alcolici nel tuo paese di residenza.

Chiudendo il Pop Up e continuando confermi di avere l'Età Legale

Altrimenti fai click sul tasto Indietro del tuo Browser

 

Si raccomanda di Bere Alcolici in modo responsabile e di non guidare dopo aver bevuto.

La Qualità è preferibile alla quantità