Go Wine Il Nebbiolo a Roma

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Roberto Sarotto Langhe Rosato

 

Una serata al Savoy, dedicata al Re dei vitigni piemontesi, nelle sue diverse declinazioni: Barolo, Barbaresco e Roero.

 

Anche nel 2019,  il 21 maggio scorso, a Roma, Go Wine ci ha offerto la possibilità di degustare i prodotti di numerose – circa 30 – cantine produttrici di vini a base di Nebbiolo. Un’occasione particolarmente apprezzata da chi, come noi, ama molto questa tipologia di vini. Naturalmente, questo è solo uno “spaccato” dell’immensa e variegata produzione piemontese, che conta centinaia e centinaia di aziende votate alla coltura ed alla salvaguardia di queste uve che, per nostra fortuna, danno risultati così straordinari.

 

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Beni di Batasiolo Dolcetto Dogliani

Essendo stati presenti anche all’edizione dello scorso anno – ne abbiamo parlato QUI – questa volta ci siamo voluti dedicare ad alcune cantine non testate in precedenza oppure, abbiamo assaggiato annate diverse di vini già conosciuti. Non ultimo, abbiamo riservato una segnalazione anche ad alcuni pregevoli vini bianchi, provenienti dalle stesse zone di produzione.

 

Le nostre scelte

 

Iniziamo parlando di Beni di Batasiolo – che i nostri lettori già conoscono, anche per la partecipazione al nostro Speciale Rosè – di cui abbiamo particolarmente gradito il Dogliani – avete ragione, questo non era un Nebbiolo ma un grande Dolcetto – oltre ad un ottimo Barolo Briccolina 2013.

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Beni di Batasiolo Barolo Briccolina

Presente anche quest’anno Roberto Sarotto e qui abbiamo scoperto appunto, alcuni notevoli bianchi come lo Chardonnay Puro e soprattutto, l’Arneis Runcneuv. Meritevole anche il Langhe Rosato ottenuto da Nebbiolo in purezza.

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Roberto Sarotto Arneis Runcneuv

Per terminare con le segnalazioni dei bianchi, citiamo il buon Riesling 2017 prodotto da Bric Cenciurio.

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Bric Cenciurio Riesling

Tornando al Nebbiolo, da segnalare anche i seguenti vini:

Silvano Bolmida: Barolo Bussia 2015
Bricco Maiolica: Barolo Contadin 2015
Cà Nova: Ghemme 2011
Cantina Produttori Nebbiolo di Carema: Carema Classico 2015
Cordero di Montezemolo: Langhe Nebbiolo 2017
Moccagatta: Barbaresco Basarin 2015
Moscone: Barolo Bussia 2011

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Silvano Bolmida Barolo Bussia 2015

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Bricco Maiolica Barolo Contadin 2015

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Cà Nova Ghemme 2011

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Cantina Produttori Nebbiolo di Carema - Carema Classico 2015

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Cordero di Montezemolo - Langhe Nebbiolo 2017

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Moccagatta - Barbaresco Basarin 2015

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Moscone Barolo Bussia 2011

Per concludere, grazie alla presenza di Antica Distilleria Sibona…. uno spettacolare Barolo Chinato ricetta originale.

Go Wine Il Nebbiolo a Roma - Antica Distilleria Sibona - Barolo Chinato

Naturalmente, non pretendiamo in casi come questo, di aver trattato compiutamente l’argomento, ma non è questo il nostro scopo. Infatti, il compito che ci siamo dati è sempre quello di ricercare e scoprire prodotti di valore, seguendo le nostre (personalissime) inclinazioni, i nostri gusti ed istinti…. per poi segnalare ciò che riteniamo meritevole ai nostri lettori. Non un dogma ovviamente, ma uno spunto di riflessione, un’indicazione, un minimo di linea guida, per iniziare ad orientarsi in campi vastissimi, quasi infiniti… come la produzione enologica italiana.

 

Icona English 32

 

Go Wine

 


Testi & Immagini © iBESTmag – Riproduzione Proibita


 

Seguici e Condividi su:
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Instagram
Pinterest
LinkedIn

iBestmag - Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

The Whitby Hotel - New York

Ven Giu 21 , 2019
  Un sorprendente albergo nel cuore dell’Upper Midtown – Manhattan.   A soli due isolati da Central Park, un soggiorno molto esclusivo in un luogo dove la visonaria immaginazione di Kit Kemp (proprietaria insieme al marito Tim del gruppo Firmdale che ha realizzato questo hotel) ha potuto dispiegarsi liberamente, dando vita a qualcosa di veramente sorprendente. Seguici e Condividi su:Follow
The Whitby Hotel - New York - Orangery Private Dinner

I nostri Social

Categorie Articoli

Tag Cloud

Per Visionare alcune sezioni di questo sito devi avere l'Età Legale per consumare Alcolici nel tuo paese di residenza.

Chiudendo il Pop Up e continuando confermi di avere l'Età Legale

Altrimenti fai click sul tasto Indietro del tuo Browser

 

Si raccomanda di Bere Alcolici in modo responsabile e di non guidare dopo aver bevuto.

La Qualità è preferibile alla quantità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi